1/1

settembre 27, 2014 § Lascia un commento

Nel breve sottoporsi ad un paesaggio morto

il fiato manomette la sua tregua battente
concava, compiuta
in un metrico distacco dal piano

che ricordi in vita.

2531.II Sulle nuove città

giugno 18, 2014 § 1 Commento

Il viale che solca le lunghe gambe

con un respiro-inesorabile-sopraffazione

di noia corrotta e di vento.

2531.

giugno 6, 2014 § Lascia un commento

Eccole le nuove città

mandrie di selfie dalla pelle di vetro
come nature morte, si raccolgono
devote all’immagine limpida
di un corpo da incolpare.

Sempre incerta è la mano
la mano che si innalza
al suo breve eterno

ogni futuro è già scattato.

1741.

marzo 8, 2014 § 1 Commento

Li divoreremo, questi tasti
una marea di click sospesi
tra quattro finestre, schermate di vetro
e il vento retwitterà le nostre ombre
avvolgendo di peso, ciò che non ha peso
al presente che crepa
dalla propria statua, il mondo
si gira come per guardare,
piacendo di profilo in profilo,
una pelle che si indurisce,
allo sguardo livido, dell’essere svisti.

1759.

luglio 30, 2013 § Lascia un commento

17.44 Uomo in un’aria indolenzita

17.46 prudente alla parola uomo

17.58 dallo sforzo utile che trasluce

17.59 verso qualsiasi altro uomo

17.39 la futilità del proprio eterno

poichè in nessuno di questi uomini
trova un posto, la rinuncia

in nessuno di questi uomini tutti
moderni, connessi e preparati
la rinuncia trova un posto

anche oggi, si ricorda come un corpo,
l’uomo del suo peso,
anche oggi che esiste ciò che non esiste
la sua mano, un click di pietra dura
si trascina, al centro della propria creazione.

Nell’ora dalle ombre allungate – Ebook di Andrea Lucheroni – Download gratuito

luglio 11, 2013 § 1 Commento

Questo è un esperimento. Ho sempre avuto delle perplessità sulla vendita di un libro di poesia, peggio se me lo immagino con le mie poesie, che valore economico dovrebbe avere? Non ne ho idea. In quale mercato dovrebbe essere “venduto”? Avrei potuto dare qualche centinaio di euro ad un Editore per farne pubblicare qualche copia, ma a quale scopo? Quello che scrivo ha il valore di un verso, di una eco. Dentro di me finisce quando l’ho scritto. Questa Eco vorrei che fosse il più lunga possibile. Che continuasse in qualcun altro. Questo è il valore delle cose. Quindi ho trovato questo sistema geniale. Io ti faccio scaricare il mio ebook al costo di un link su facebook o di un tweet. In modo che tu mi dia Eco. Che tu mi faccia esistere. Quale guadagno è più grandioso di questo? Se vuoi partecipare a questo primo esperimento ti basta cliccare… seguire le istruzioni. E sarai parte di una Poesia 2.0.ora ombre allungate

Se hai bisogno di istruzioni clicca qui

Se non riesci e vuoi riceverlo via mail scrivimi qui

Colazione Poetica a Crema con il Collettivo WSF

luglio 6, 2013 § Lascia un commento

Words Social Forum

Tra gli esperimenti più curiosi dell’edizione in corso di ArtShot c’era Pane burro e poesia. La colazione poetica con gli autori del collettivo WSF, un collettivo nato all’interno del sito del Words Social Forum – Centro Sociale dell’Arte.
La colazione poetica è stata indubbiamente un’idea ben riuscita per animo e luogo, i ragazzi dell’Artshot quest’anno hanno regalato uno scorcio indimenticabile, intrecciando la poesia in un unico ramo, una tavolata imbandita d’ogni vizio mattutino ha chiuso il cerchio su una domenica per noi magica e dunque il collettivo WSF ringrazia l’Artshot, Il nodo dei desideri e Crema e infine, ringrazio anche le voci che si sono susseguite:
Fosca Massucco, Andrea Lucheroni, Sebastiano Adernò e Ksenja Laginja. Esperimento da ripetere.

La splendida cornice offertaci dai ragazzi dell’organizzazione dell’ArtShot di Crema di quest’anno, ha creato una splendida magia/sintonia fra noi – un legame che andava ben oltre al semplice conoscerci, anche le poesie…

View original post 520 altre parole