1909. I

dicembre 22, 2015 § 1 Commento

Quello che abbiamo conosciuto, è nebbia
riflesso nel duro nero degli occhi, solo il grigio
del corpo che si è concesso, sotto un cielo sporco e sterrato
compromesso del tempo a parole acuminate, ad ardore
che tracima le sue convinzioni e affronta, l’ultima ora
priva di significato, poiché appena trascorsa.

E prima che a dissipare la tua nebbia
arrivi il mezzogiorno di qualcun altro, con la sua
accogli questo residuo di spazio nella resa, trattienilo
con mani di pietra, che mai s’è appartenuti
se non ad uno sconosciuto e smisurato
conforto dell’essere uomini.

Annunci

Tag:, , , ,

§ Una risposta a 1909. I

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo 1909. I su Solo un dettaglio.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: