20174

aprile 25, 2017 § Lascia un commento

Vestito di città
potrai moltiplicarti
in mille
vecchi
giorni
muovendoti in tondo
potrai uscire
rientrare
dimenticare
il telefono a casa,
le chiavi in ufficio, ma
non troverai
nella fretta dell’andare
per mille vie
con l’abito adatto
segni di t r e g u a
nè ti lasceranno
mucchi di passanti
un varco
per fuggire
a
nasconderti
nel loro inganno

Annunci

Writing Poetry

aprile 22, 2017 § Lascia un commento

20173

aprile 22, 2017 § Lascia un commento

Ti immagino libera
su gambe lunghissime
mossa dal vento
di mille cammini
a parlarmi senza parole
dei tuoi capelli ancora neri
e di quanto sia gialla
la rosa nelle tue mani
che splende la tua forma
se la stringi forte
lasciandola sorridere di
una vita
che aspettava tramonti

20172

aprile 22, 2017 § Lascia un commento

Portami con te
ancora un giro
sopra al vecchio mondo
camminiamo
dove non finisce
niente
ridiamo di lui
imitiamo la sua
continua
storpia
danza
poi incastriamolo
dentro alle pupille
che mi hai colorato
e fermiamoci
a guardare
quanto breve è
il salto
e quanta fatica
è riposta
nel sospiro che si fa
per salire sulle forti gambe
della solitudine

20171

marzo 17, 2017 § Lascia un commento

Appesi a mani
che non siamo più
si spinge
avanti e indietro
indietro e avanti
il vuoto
della scatola

e lo sgomento
che prova
strusciando
assieme alla carta
avanti e indietro
indietro e avanti
verso
un rumore
di quiete

tutto riempie

Do you remember?

marzo 14, 2017 § Lascia un commento

1909. I

dicembre 22, 2015 § 1 Commento

Quello che abbiamo conosciuto, è nebbia
riflesso nel duro nero degli occhi, solo il grigio
del corpo che si è concesso, sotto un cielo sporco e sterrato
compromesso del tempo a parole acuminate, ad ardore
che tracima le sue convinzioni e affronta, l’ultima ora
priva di significato, poiché appena trascorsa.

E prima che a dissipare la tua nebbia
arrivi il mezzogiorno di qualcun altro, con la sua
accogli questo residuo di spazio nella resa, trattienilo
con mani di pietra, che mai s’è appartenuti
se non ad uno sconosciuto e smisurato
conforto dell’essere uomini.